Sociale

L’impegno della nostra società per un rugby sempre più inclusivo e integrato è alla base dei valori del club. Da sempre i Cavalieri Union Rugby hanno collaborato a stretto contatto con importanti realtà territoriali. Diversi sono i progetti e le relazioni che si basano sul lavoro di squadra, sul rispetto, sulla solidarietà e la passione i cui obiettivi sono la realizzazione di società pienamente inclusiva.

Progetto PRAMA

Il progetto, portato avanti in collaborazione con AMI consiste nella realizzazione di uno spazio ludico e motorio rivolto a tutti i bambini e ragazzi. Al cuore dell'iniziativa vi è la ferma volontà di garantire un maggiore benessere e di promuovere uno stile di vita consapevole a vantaggio del ragazzo e della sua famiglia in forma inclusiva. Uno spazio dove tutti i ragazzi possono divertirsi e giocare senza limiti, dove le attività educative e ludiche proposte sviluppano rapporti interpersonali di crescita e di condivisione. Si tratta di una struttura originale, con una sua “personalità”, provvista di un’area accoglienza progettata in modo efficace, l'area arrampicata, la palestra multidisciplinare, spazio multisensoriale e spazio polivalente.

Il progetto è il risultato di un concorso di idee realizzato con l'ordine degli architetti e degli ingegneri della provincia di Prato. Al Concorso di idee hanno aderito Architetti, Ingegneri e geometri laureati della Provincia di Prato under 40 che è terminato con la nomina dei vincitori: i tre architetti Francesco Rossetti, Francesca Gabellini e Francesco Colzi.

Progetto THERE IS NO CURE FOR RUGBY

Image

Un percorso iniziato con la prima donazione di sangue nel 2017 presso il centro trasfusionale del Meyer e che vede ormai coinvolti regolarmente sia la prima squadra che tutti gli atleti maggiorenni, oltre alla dirigenza ed ai familiari. Un'esperienza che è diventata un appuntamento irrinunciabile per il nostro gruppo sportivo.

Image


Ci fa piacere ricordare che donare sangue fa bene anche al donatore perché l’azione del donare comporta una presa di coscienza dell’individuo, che è stimolato a mantenere uno stile di vita sano. Donare sangue, quindi, vale il doppio, perché salva la vita a chi riceve il sangue e mantiene sano il donatore. E dopo ogni donazione gli atleti de i Cavalieri Union Rugby colgono abitualmente l’occasione per effettuare una visita ai reparti di degenza ospedaliera, soprattutto quelli infantili, per consegnare dei piccoli gadget e trasmettere i valori del nostro sport a chi si trova in condizioni di disagio e sta soffrendo.

Image
Queste le caratteristiche per donare sangue:

Età
18-60 anni

Peso
Non inferiore ai 50 kg.

Stato di salute
Buono.

Stile di vita
Nessun comportamento a rischio che possa compromettere la nostra salute e/o quella di chi riceve il nostro sangue.

L’idoneità alla donazione viene stabilita mediante un colloquio personale e riservato, una valutazione clinica da parte di un medico e dopo aver effettuato gli esami di laboratorio (prima donazione differita) previsti per garantire la sicurezza del donatore e del ricevente.

Prima di ogni donazione, il donatore è tenuto a compilare un questionario finalizzato a conoscere il suo stato di salute e il suo stile di vita. Il successivo colloquio e la visita con un medico aiuteranno ad approfondire le risposte alle domande contenute nel questionario.

Il prelievo

Il mattino del prelievo è preferibile aver fatto una colazione leggera a base di frutta fresca o spremute, tè o caffè poco zuccherati, pane non condito o altri carboidrati semplici.
Image
Image
Image